CCEF - Chiesa Cristiana Evangelica di Francoforte
CCEF - Chiesa Cristiana Evangelica di Francoforte

Il calcio nella nostra vita

1. Sentimenti e rituali

Ogni partita è, per i tifosi, un cocktail di sentimenti, un mischio d’ansia, euforia, sofferenza, gioia.

I giocatore diventano “Eroi”, alcuno sono innalzati,  altri, per un attimo, falliscono.

Rituali e simboli sono curati, si discute molto di giustizia, di fortuna e di casualità. Ci saranno lacrime di gioia ma anche di delusione.

Dietro i detti come: " la palla é rotonda " e " nuovo gioco, nuova fortuna", c´é un messaggio.

Dietro a tutto ciò, c´é il desiderio di un cambio di un giorno qualsiasi, un sentimento di provare qualcosa di diverso dopo una giornata di lavoro, di noia e routine, almeno per i prossimi 90 o 120 minuti di gioco.

 

2. Il Calcio visto come una sostituzione di religione

L´entusiasmo per il calcio attira molti tifosi quasi a un’adorazione per questo gioco e per i giocatori, avendo sembianze religiose. I cappellini, lo scialle e le magliettine dimostrano a quale confessione appartengono.

Ecco alcune citazioni di persone famose:

" Prima si andava insieme in chiesa, oggi si va insieme allo stadio."

"Il calcio é per me, é come una sostituzione per la religione, avendo anche una chiesa con dogmi, culti e sentimenti religiosi."

“Prima hanno costruito i migliori architetti delle cattedrali, oggi dei grandi stadi”.

Tifosi tedeschi cantano negli stadi in coro: " A te appartiene la vittoria, la potenza, il campionato per l´eternità”.

Ogni essere umano sente il bisogno di orientare sua vita a qualcosa. Questo può essere il calcio o lo sport in generale. Il calcio da un valore alla vita?

Perché l´essere umano cerca una religione o una sostituzione a questa?

Aurelio Agostino, uomo della chiesa disse:

"Ci hai fatti per Te, Signore, e il nostro cuore è inquieto finché non riposa in Te. » Questa é una grande verità.

Abbiamo una profonda nostalgia di voler tacere e consolare il nostro cuore.

Dentro di noi si fa sentire un’inquietudine che non si può soddisfare e appagare con il consumo o il benessere, né lavorando tanto e tantomeno con il calcio.

Le statistiche hanno dimostrato che dopo un europeo, o un mondiale di calcio, molte persone sono cadute in depressione per la mancanza di quel sentimento provato guardando una partita. Sembra quasi che il cuore non trova pace. Ci manca la motivazione.

Per questi il messaggio è: Il nostro cuore trova pace e il vero senso della vita, quando si trova il Signore, quando si ritorna a casa dal nostro Padre celeste.

Quando non riusciamo a trovare questa fede nel Signore, siamo in qualche modo costretti o guidati ad appagare o soddisfare le nostre nostalgie e il vuoto nel cuore con altre cose.

Questo spiega perché l´uomo é alla ricerca di una religione o una sua sostituzione.

A questo punto, vorrei portare dei paralleli per noi cristiani.

Cantiamo anche noi in chiesa con quell’entusiasmo al Signore come i tifosi allo stadio per la loro squadra? Siamo anche noi cosi convinti ed entusiasti della nostra fede come lo sono i Tifosi di calcio?

Un vero tifoso non risparmia, ne si vergogna confessando a chi appartiene, anzi lo fa sentire a tutto il mondo con la tromba .

E noi? Abbiamo questo spirito nel confessare a chi apparteniamo, siamo convinti della fede in Cristo come un tifoso allo stadio?


3. Il calcio, l´occupazione secondaria più bella del mondo

Per molti è proprio così, il calcio è la seconda occupazione più importante, tanto che loro portano allo stadio i loro striscioni con messaggi brevi ma molto obiettive.

Ricordo di un’immagine di una ragazza in posizione di preghiera con le mani innalzate verso il cielo e affianco un tabellone con un testo: " è in gioco tutto"

Si tratta veramente di tutto nel calcio?

In verità, nel calcio, non si tratta di tutto, ma qualcosa per niente. Il calcio, non dimentichiamo che è soltanto un gioco!

La nazionale tedesca cantava alcuni anni fa: " il calcio è la nostra vita“.

La vita è di sicuro molto di più che una partita di calcio.

Quando tutto finisce, ci si accorge che i soldi, le medaglie e il successo, quello che in verità porta il calcio, non garantiscono una vita. Una vita piena di senso non si prende a qualcosa che dura poco.

 

Tutte le squadre vogliono arrivare in finale. Questo é il loro traguardo.

L´apostolo Paolo chiede ai Corinzi che essi imparano da un atleta come si devono preparare a raggiungere il premio:

"Non sapete che nelle corse allo stadio tutti corrono, ma uno solo conquista il premio?

Correte anche voi in modo da conquistarlo!  "

1 Corinzi 9:24

 

Nella gara partono in tanti, ma soltanto uno ottiene il premio, così come soltanto una squadra vincerà nella finale.

Perché Paolo prende l´esempio dell´atleta?

Paolo ha in vista anche la finale dei cristiani:


"Non però che io abbia già conquistato il premio o sia ormai arrivato alla perfezione; solo mi sforzo di correre per conquistarlo, perché anch'io sono stato conquistato da Gesù Cristo. Fratelli, io non ritengo ancora di esservi giunto, questo soltanto so: dimentico del passato e proteso verso il futuro, corro verso la mèta per arrivare al premio che Dio ci chiama a ricevere lassù, in Cristo Gesù."

Filippesi  3: 12-14.

 

Al contrario dello sport, dove solo uno o una squadra vince, la Bibbia ci dice che Dio vuole che tutti raggiungano la finale come vincitori.

Dio stesso ha stabilito le condizioni, per questo è venuto Gesù sulla terra. Lui ha raggiunto il traguardo per tutti noi.

Senza di Lui nessuno avrebbe una possibilità, ma per mezzo di Lui, ognuno può arrivare alla finale:


" Perché Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio,

affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna. "

 Giovanni  3,16

 

 

5. L´intervallo in una partita

 

Come sarebbe una partita di calcio senza una pausa?

 

Naturalmente, molti diranno che la partita è vinta sul campo. Sono due volte 45 minuti con tattica, concentrazione e combattimento, però altrettanto importante sono quei minuti nello spogliatoio. In questa piccola pausa si può:

 

  • Respirare tranquillo e profondo;
  • Riposare per acquistare nuove forze;
  • Riflettere: come é andata finora? Che cosa abbiamo fatto di buono e cosa stiamo sbagliando? Su cosa dobbiamo migliorare? Dobbiamo cambiare strategia?

 

Li anche si aggiungere l´aspetto più importante: l´allenatore cercherà di incoraggiare la squadra. Lui può riuscire a trasmettere delle forse che i giocatori credono di non avere.

 

Quante volte al secondo tempo abbiamo visto delle squadre completamente trasformate?

 

Ci sono dei paralleli tra il calcio e la nostra vita? Facciamo anche noi una pausa per migliorare il nostro servizio?

 

La pausa è un momento di riflessioni. Come é andata la mia vita finora con Cristo? Oppure come sta andando la mia vita senza Cristo?

 

Nel calcio, almeno, si é consapevoli a cosa si va incontro e noi sappiamo altrettanto a cosa andiamo incontro nella  vita? Come è la mia relazione con il Signore?

Gesù disse:

"E che serve all’uomo se guadagna tutto il mondo e perde l’anima sua?

 Infatti che darebbe l’uomo in cambio della sua anima? "

Marco 8:36-37

Dio desidera la vittoria per te. Egli ha fatto tutto attraverso Cristo per ottenere questa vittoria.

Gesú ha sconfitto il nemico e ha segnato tre gol per tutti noi:

  • Il primo gol é stato sulla croce contro il peccato, avendoci regalato il perdono;
  • Il secondo gol é stato contro un altro nemico, la morte, avendoci regalato la vita eterna;
  • Il terzo gol é stato contro Satana, liberandoci dal suo potere.

Ancora é in tempo di fare una pausa, una riflessione.

Forse hai bisogno che l´allenatore Gesù t’incoraggi a non mollare in questa partita.              

L’allenatore Gesù vuole darci:

  • un inizio;
  • perseveranza;
  • delle forze per mantenerci nelle regole;
  • delle forze per arrivare al traguardo.

"Ho combattuto la buona battaglia, ho terminato la mia corsa, ho conservato la fede. 8 Ora mi resta solo la corona di giustizia che il Signore, giusto giudice, mi consegnerà in quel giorno; e non solo a me, ma anche a tutti coloro che attendono con amore la sua manifestazione"

2 Timoteo 4:7-8

C'è una Speranza

Hai bisogno di sfogarti o semplicemente di una preghiera? 

"Non cercate perciò che cosa mangerete e berrete, e non state con l'animo in ansia: di tutte queste cose si preoccupa la gente del mondo; ma il Padre vostro sa che ne avete bisogno".

Luca 12:29-30

     Calendari            2018

"Gratuitamente

avete ricevuto,  

gratuitamente date"

 Matteo 10:8

Druckversion Druckversion | Sitemap Diese Seite weiterempfehlen Diese Seite weiterempfehlen
© gesu-ti-ama.de - Güterplatz 4, 60327 - Frankfurt am Main (Vicino alla stazione centrale)